Feildingarchive

Feildingarchive

Farmaci acquistati allestero scaricare

Posted on Author Vugal Posted in Ufficio

Si possono portare in detrazione le spese per medicinali. In caso di acquisto di medicinali all'estero, è possibile portare i relativi qualità e quantità dei prodotti acquistati, nonché il codice fiscale del. Come rendere validi per la detrazione gli scontrini dei medicinali acquistati all'​estero. Quando si acquistano dei medicinali all'estero c'è un problema di validità​. Le spese per i medicinali acquistati presso la Farmacia del Vaticano sono che “qualora le spese mediche siano sostenute all'estero la documentazione deve.

Nome: farmaci acquistati allestero scaricare
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 69.20 Megabytes

Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo Come rendere validi per la detrazione gli scontrini dei medicinali acquistati all'estero Quando si acquistano dei medicinali all'estero c'è un problema di validità in Italia perchè le leggi che vigono all'estero sono diverse da quelle che vigono in Italia. Istruzioni Approfondimento: Non ci sono articoli correlati per questo articolo Se hai acquistato uno o più medicinali presso farmacie estere allora noterai che sullo scontrino non è indicato il codice fiscale del contribuente e quindi non è valido per la detrazione.

Se la documentazione rilasciata dalla farmacia estera è in lingua originale la sua validità è compromessa a meno che non sia corredata da una traduzione in italiano. Se la documentazione è in lingua inglese, francese, tedesco o spagnolo per rendere valido lo scontrino per la detrazione basta che la detrazione la effettui tu e la devi anche sottoscrivere.

Se invece la documentazione è in una lingua diversa devi farla corredare da una traduzione giurata per rendere valido lo scontrino.

Non tutti i commercialisti si occupano anche dell'invio telematico dei e spesso per questo servizio si affidano ad un CAF. In questo caso di solito è il CAF stesso a richiedere la traduzione prima dell'invio, e, anche se fosse lo stesso commercialista, per decidere se la spesa è deducibie o no, ha bisogno comunque di verificare il genere di spesa e necessita quindi della traduzione.

Secondo me è sempre meglio tradurla prima, onde evitare brutte sorprese dopo in seguito a controlli dell'Agenzia delle Entrate.

Ovvio che affinchè possano capirci qualcosa tale documentazione dovrà essere tradotta o quanto meno spiegata a voce. La traduzione giurata è un'altra faccenda, serve a dare valore legale alla traduzione qualora il documento debba essere esaminato da un giudice o dalla pubblica amministrazione.

Nel caso della dichiarazione dei redditi l'esame è eventuale e successivo alla sua presentazione.

i nostri Blog

Quindi non è necessario munirsi di traduzione giurata ma solo di documenti che siano agevolmente comprensibili da chi deve fare per nostro conto la dichiarazione. Spero di non aver creato confusione. C'è qualcuno che cortesemente mi sa dire se le spese per le ICSI posso scaricarle solo io?

Dato che il mio commercialista è anche un mio amico vorrei evitare che sapesse che ho fatto la Pma. D'altro canto mi spiacerebbe non poter scaricare le spese di due Icsi fatte in Austria si tratta di euro! Per caso potrebbe scaricare mio marito queste spese dalla sua dichiarazione? Forse vi sembrerà una domanda un po' stupida, ma prima di rinunciare a scaricare 7.

Grazie a chi vorrà rispondermi Coda. Qui forniamo, nei limiti, risposte legali sulla PMA. Possono essere considerati familiari a carico i seguenti soggetti: il marito o la moglie purché non legalmente ed effettivamente separato; i figli compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito.

Anche i seguenti altri familiari possono essere considerati a carico: il coniuge legalmente ed effettivamente non separato; i discendenti dei figli; i genitori compresi i genitori naturali e quelli adottivi ; i generi e le nuore; il suocero e la suocera; i fratelli e le sorelle anche unilaterali ; i nonni e le nonne compresi quelli naturali. In buona sostanza, la detrazione spetta solo se gli oneri e le spese restano effettivamente a carico di chi li ha sostenuti.

Quindi, se tu paghi la visita medica specialistica per conto di tua moglie o di tuo figlio e questi non sono a tuo carico, la detrazione non spetta né a te né a loro.

Affinché si possa fruire della detrazione è necessario che: la fattura sia intestata al beneficiario della prestazione medica e non ad altro soggetto; tale fattura sia stata pagata dal soggetto beneficiario della detrazione fiscale con strumento tracciabile come bancomat, carta di credito anche ricaricabile, assegno, bonifico.

In sintesi, se il familiare non è a carico, non è possibile detrarre una fattura intestata al figlio o alla moglie, pagata con bonifico o con carta del genitore o del marito.


Ultimi articoli