Feildingarchive

Feildingarchive

Un progetto da github scarica

Posted on Author Yoll Posted in Internet

  1. Altre funzioni di GitLab
  2. copiare progetti su github
  3. git - la guida tascabile
  4. Creare un account

Importazione: serve a creare un nuovo progetto a partire da una directory sul nostro file system che sarà “appunto” importata nell'ambiente Git. In tutti questi casi, sarebbe utile poter scaricare in fretta i singoli file che compongono un progetto, senza doverli estrarre da un dump dell'intero. Git è un software di controllo versione distribuito utilizzabile da interfaccia a riga di comando, creato da Inizializziamo un progetto esistente su un server git. Esistono principalmente due modi: il primo è iniziare un progetto Git da una Git ci permette di scaricare un repository esistente da un server e cominciare.

Nome: un progetto da github scarica
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 23.51 MB

Pacchetto Debian , pacchetto Ubuntu : ottenete rapidamente una copia locale. Pratico quando questo server non è raggiungibile. Libro vero e proprio [Amazon. Pratico in caso di mancanza di elettricità. Voglio ringraziare le persone che hanno prestato il loro lavoro per tradurre queste pagine. Sono grato di poter raggiungere un numero più ampio di lettori grazie agli sforzi delle persone appena citate. François Marier mantiene il pacchetto Debian, creato originariamente da Daniel Baumarr.

Da ora in poi ogni volta che salvate una partita finirete in un branch separata che rappresenta la realtà parallela in cui siete entrati. Ci occuperemo di questo più tardi. Per evitare incidenti, fate un commit prima di eseguire un comando di checkout, specialmente se siete alle prime armi con Git. In generale, ogni volta che non siete sicuri delle conseguenze di comando, che sia di Git o no, eseguite prima git commit -a. Non vi piace copiare e incollare codice hash?

Analogamente, potete selezionare degli specifici commit da annullare. Il revert viene registrato come un nuovo commit, fatto che potrete verificare eseguendo un git log. Generare un diario delle modifiche changelog Certi progetti richiedono un changelog. Potreste semplicemente dire loro di scaricarlo dal vostro computer, ma le fanno mentre state migliorando lo script o sperimentando con delle modifiche, potrebbero finire nei guai. Naturalmente, questo tipo di situazioni sono la ragione per cui esistono i cicli di rilascio.

Questo assume che tutti abbiamo accesso ssh al vostro computer. Che cosa ho fatto? Alternativamente, installate un server web, lanciate git instaweb e lanciate il vostro browser.

Vogliamo rimettere i file in D. Come possiamo fare? Ci sono almeno tre soluzioni. Assumiamo che siamo in D: La differenza tra A e B sono i file rimossi. Quella che preferite!

È facile ottenere quello che volete con Git, e spesso ci sono diversi modi di ottenerlo. Per ottenere dei file si crea un clone di tutto il deposito.

In altre parole, diventate praticamente un mirror del server centrale. Inizializzate un deposito Git e fate un commit dei vostri file su una macchina. Se avete recentemente fatto delle modifiche conflittuali dello stesso file, Git ve lo segnalerà e dovrete ripetere nuovamente il commit, dopo che avrete risolto il conflitto. Tipicamente bisognerà riempire un formulario in una pagina web. Perché i comandi pull e push precedenti funzionino bisogna avere accesso SSH.

Quindi, per default, push è proibito con protocollo git. File sorgente segreti Per un progetto chiuso, omettete il comando touch, e assicuratevi di mai creare un file chiamato git-daemon-export-ok. Il deposito in questo caso non potrà più essere ottenuto con il protocollo git; solo chi ha accesso SSH potrà vederlo.

Se tutti i vostri deposito sono chiusi, lanciare il daemon git non è necessario perché la comunicazione avviene via SSH. In altre parole, mantiene unicamente la storia del progetto, e e non conserva nessuna versione. Un deposito nudo gioca un ruolo simile a quello di un server principale in un sistema di controllo di versione centralizzato: è dove è localizzato il vostro progetto. Tipicamente si trova su un server che non fa altro che distribuire dati.

Push vs pull Perché abbiamo introdotto il comando push, invece di affidarci al più familiare comando pull? Prima di tutto il comando pull non funziona con depositi nudi: in questo caso bisogna invece usare fetch, un comando che discuteremo più tardi. Ma anche se avessimo un deposito normale sul server centrale, usare pull sarebbe sarebbe scomodo. I firewalls potrebbero interferire nel processo, e cosa faremmo se non avessimo nemmeno accesso shell al server? In conclusione, mentre state imparando ad usare Git, usate push solo se la destinazione è un deposito nudo; altrimenti usate pull.

Fare il forking di un progetto Stufi del modo in cui un progetto è amministrato? Pensate che potreste fare un lavoro migliore? Se il vostro progetto ha moti sviluppatori non c'è bisogno di fare niente! Ogni clone del vostro codice è effettivamente un backup. Grazie al hashing crittografico, se qualcuno dovesse avere un clone corrotto, sarà individuato non appena si connetterà agli altri. Se il vostro progetto non è molto popolare, trovate il più alto numero possibile di server che possano ospitare dei cloni.

Deve essere sicuro, non privato. Ad esempio, pubblicarlo in un giornale funzionerebbe bene, visto che sarebbe difficile realizzare un attacco modificando tutte le copie del giornale. Multi-tasking alla velocità della luce Immaginiamo di voler lavorare simultaneamente su diverse funzionalità. Potete ora lavorare simultaneamente su due funzionalità indipendentemente.

La nuova cartella contiene i file con i vostri cambiamenti. Subversion, che è forse il migliore sistema di gestione di versione centralizzato, è utilizzato da innumerevoli progetti. Per questa ragione, mi sembra preferibile utilizzare Git piuttosto che Mercurial per i depositi principali. Nel caso di un progetto Mercurial di solito un volontario mantiene in parallelo un deposito Git che accomoda utenti Git, mentre, grazie al plugin hg-git, un progetto Git accomoda automaticamente utenti Mercurial.

Bazaar Menzioniamo brevemente Bazaar perché è il sistema di controllo di versione distribuito gratuito più popolare dopo Git e Mercurial. Bazaar ha il vantaggio del senno di poi, visto che è relativamente giovane; i suoi disegnatori hanno potuto imparare dagli errori commessi nel passato e evitare gli scogli storici. Un plugin chiamato bzr-git permette agli utilizzatori di Bazaar di lavorare con depositi Git in una certa misura. Non ho mai sentito la necessità di cambiare.

Git mi ha servito un servizio impeccabile, e non sono mai stato colto alla sprovvista dai suoi limiti. Siccome utilizzo primariamente Linux, i problemi che appaiono sulle altre piattaforme non mi concernono.

Ho riflettuto a come migliorare Git, arrivando fino al punto di scrivere la mia propria versione, ma solo come un esercizio accademico. Naturalmente, i vostri bisogni e richieste probabilmente differiscono dai miei, e quindi potreste trovarvi meglio con un altro sistema. La stregoneria delle branch Le funzioni di merge e di ramificazione o branch sono le migliori "killer features" di Git. Problema: Fattori esterni conducono inevitabilmente a cambiamenti di contesto.

Un grave bug si manifesta inaspettatamente nella versione di release. La scadenza per una particolare funzionalità viene anticipata. Uno sviluppatore che doveva collaborare con voi su una parte delicata di un progetto non è più disponibile. In ogni caso, dovete bruscamente smettere quello che stavate facendo per concentrarvi su un compito completamente diverso. Con un sistema di controllo di versione centralizzato bisognerebbe scaricare una nuova copia del lavoro dal server centrale.

Un sistema decentralizzato è migliore perché permette di clonare localmente la versione che si vuole. Anche se Git riduce i costi tramite la condivisione di file e gli hard link, i file di progetto stessi devono essere ricreati interamente nella nuova cartella di lavoro. Soluzione: Git ha un metodo migliore per queste situazioni che è molto migliore ed efficiente in termini di spazio che il clonaggio: il comando git branch. In questo modo, se il vostro capo, entra nel vostro ufficio mentre state giocando potete nasconderlo rapidamente.

Il file di testo è ritornato alla versione originale. Lavoro temporaneo Diciamo che state lavorando ad una funzionalità e, per qualche ragione, dovete ritornare a tre versioni precedenti e temporaneamente aggiungere qualche istruzione per vedere come funziona qualcosa. Potete addirittura fare un commit dei cambiamenti. Ricordatevi che i cambiamenti non sottomessi ad un commit andranno persi. Che fare se nonostante tutto voleste salvare questi cambiamenti temporanei?

Ne parleremo ancora più avanti. Per ora ci basta sapere questo: i file vengono cambiati allo stato richiesto, ma bisogna lasciare la branch master. A partire da questo momento, tutti i commit porteranno i vostri file su una strada diversa che potrà essere nominata più avanti. In altre parole, dopo un checkout verso uno stato precedente, Git ci posiziona automaticamente in una nuova branch anonima che potrà essere nominata e salvata con git checkout -b.

Infatti abbiamo già incontrato il merge molto tempo fa. Il comando pull recupera, fetch una serie di versioni e le incorpora merge nella branch corrente. Se non ci sono cambiamenti locali, il merge è un semplicemente salto in avanti un fast forward , un caso degenere simile a ottenere la versione più recente in un sistema di controllo di versione centralizzato.

Ma se ci sono cambiamenti locali, Git farà automaticamente un merge, riportando tutti i conflitti. Normalmente una versione ha una sola versione genitore, vale a dire la versione precedente.

Fare un merge di brach produce una versione con almeno due genitori. Si dà il caso che questa notazione si riferisce sempre al primo genitore. Questo è desiderabile perché la versione corrente diventa il primo genitore in un merge; e spesso si è più interessati ai cambiamenti fatti nella branch corrente, piuttosto che ai cambiamenti integrati dalle altre branch.

Potete fare riferimento ad un genitore specifico con un accento circonflesso. Un prototipo deve aspettare la fabbricazione di un processore prima che la costruzione possa continuare. I progetti software possono essere simili. Alcuni progetti richiedono che il vostro codice sia rivisto prima di essere accettato. Grazie alla facilità con cui si creano delle branch e si effettua un merge, si possono piegare le regole e lavorare sulla parte II prima che la parte I sia ufficialmente pronta.

Diciamo che siete nella branch master. Errare è umano, e spesso vorrete tornare indietro e aggiustare qualcosa nella parte I. Se siete fortunati, o molto bravi, potete saltare questo passaggio. Finalmente la parte I è approvata.

Altre funzioni di GitLab

È facile estendere questo trucco a qualsiasi numero di parti. È anche facile creare delle branch retroattivamente: supponiamo che ad un certo punto vi accorgete che avreste dovuto creare una branch 7 commit fa. La branch master contiene ora solo la parte I, e la branch part2 contiene il resto. Noi siamo in questa seconda branch; abbiamo creato master senza spostarvici perché vogliamo continuare a lavorare su part2.

Questo è inusuale. Riorganizzare un pasticcio Magari vi piace lavorare su tutti gli aspetti di un progetto nella stessa branch. Volete che i vostri lavori in corso siano accessibili solo a voi stessi e volete che altri possano vedere le vostre versioni solo quando sono ben organizzate. Con i cherry-pick appropriati potete costruire una branch che contiene solo il codice permanente e che raggruppa tutti i commit collegati.

Le opzioni -d e -m permettono di cancellare e spostare rinominare le branch. Per più informazioni vedete git help branch. Gli altri possono assumere che il vostro deposito ha una branch con quel nome, e che questa contiene la versione ufficiale del vostro progetto. Ma invece di premere un paio di bottoni, dovete creare, spostarvi, fare merge e cancellare branch temporanee. Potete avere stash multipli, e manipolarli in modi diversi. Vedere git help stash per avere più informazioni. Come avrete indovinato, Git mantiene delle branch dietro le quinte per realizzare questi trucchi magici.

Lavorate come volete Potreste chiedervi se vale la pena usare delle branch. Consideriamo un browser web. Perché supportare tabs multiple oltre a finestre multiple?

copiare progetti su github

Ad alcuni utenti piace avere una sola finestra e usare tabs per multiple pagine web. Altri ancora preferiscono qualcosa a metà. Le branch sono come delle tabs per la vostra cartella di lavoro, e i cloni sono come nuove finestre del vostro browser. Queste operazioni sono tutte veloci e locali.

git - la guida tascabile

Quindi perché non sperimentare per trovare la combinazione che più vi si addice? Con Git potete lavorare esattamente come volete.

Ma se alterate il passato fate attenzione: riscrivete solo le parti di storia che riguardano solo voi. Nello stesso modo in cui nazioni dibattono le responsabilità di atrocità, se qualcun altro ha un clone la cui storia differisce dalla vostra, avrete problemi a riconciliare le vostre differenze. Certi sviluppatori insistono che la storia debba essere considerata immutabile, inclusi i difetti. Altri pensano invece che le strutture storiche debbano essere rese presentabili prima di essere presentate pubblicamente.

Git è compatibile con entrambi i punti di vista. Sta a voi farne buon uso. Mi correggo Avete appena fatto un commit, ma ora vi accorgete che avreste voluto scrivere un messaggio diverso? Vi siete accorti di aver dimenticato di aggiungere un file? Allora eseguite git add per aggiungerlo, e eseguite il comando precedente.

Dopo una lunga seduta avete fatto parecchi commit. Ma non siete soddisfatto da come sono organizzati, e alcuni messaggi di commit potrebbero essere riscritti meglio. Ecco un piccolo estratto come esempio: pick 5c6eb73 Added repo. Qua 5c6eb73 è il commit più vecchio e f è il più recente. In seguito: Rimuovete un commit cancellando la sua linea. È simile al comando revert, ma è come se il commit non fosse mai esistito. Sostituite pick con: edit per marcare il commit per essere modificato.

Ad esempio, possiamo sostituire il secondo pick con squash: pick 5c6eb73 Added repo. Quindi squash fa un merge combinando le versioni nella versione precedente. Git quindi combina i loro messaggi e li presenta per eventuali modifiche. Il comando fixup salta questo passo; il messaggio log a cui viene applicato il comando viene semplicemente scartato.

Se avete marcato un commit con edit, Git vi riporta nel passato, al commit più vecchio. Potete correggere il vecchio commit come descritto nella sezione precedente, e anche creare nuovi commit nella posizione corrente. E cambiamenti locali per finire State lavorando ad un progetto attivo. Fate alcuni commit locali, e poi vi sincronizzate con il deposito ufficiale con un merge. Questo ciclo si ripete qualche volta fino a che siete pronti a integrare a vostra volta i vostri cambiamenti nel deposito centrale con push.

Ma a questo punto la storia del vostro clone Git locale è un confuso garbuglio di modifiche vostre e ufficiali.

Preferireste vedere tutti i vostri cambiamenti in una sezione contigua, seguita dai cambiamenti ufficiali. Questo è un lavoro per git rebase come descritto precedentemente. In molti casi potete usare la flag --onto per evitare interazioni. Leggete git help rebase per degli esempi dettagliati di questo fantastico comando.

Potete scindere dei commit. Potete anche riarrangiare delle branch di un deposito. State attenti: rebase è un comando potente. In casi complessi fate prima un backup con git clone. Riscrivere la storia Occasionalmente c'è bisogno di fare delle modifiche equivalenti a cancellare con persone da una foto ufficiale, cancellandole dalla storia in stile Stalinista. Per esempio, supponiamo che avete intenzione di pubblicare un progetto, ma che questo include un file che per qualche ragione volete tenere privato.

Diciamo ad esempio che ho scritto il mio numero di carta di credito in un file che ho aggiunto per sbaglio al progetto. In generale, filter-branch vi permette di modificare intere sezioni della storia con un singolo comando.

In seguito la cartella. Verificate che il comando filter-branch abbia fatto quello che desiderate, e cancellate questa cartella se volete eseguire ulteriori comandi filter-branch.

Infine rimpiazzate i cloni del vostro progetto con la versione revisionata se avete intenzione di interagire con loro più tardi. Fare la storia Volete far migrare un progetto verso Git? Altrimenti, documentatevi sul comando git fast-import che legge un file di testo in un formato specifico per creare una storia Git a partire dal nulla.

Tipicamente uno script che utilizza questo comando è uno script usa-e-getta scritto rapidamente e eseguito una volta sola per far migrare il progetto.

EOT M inline hello.

Creare un account

Questi comandi permettono anche di inviare un deposito attraverso canali che accettano solo formato testo. Dov'è che ho sbagliato? Avete appena scoperto un bug in una funzionalità del vostro programma che siete sicuri funzionasse qualche mese fa. Da dove viene questo bug? Se solo aveste testato questa funzionalità durante lo sviluppo! Ma è troppo tardi. Dopo qualche iterazione, questa ricerca binaria vi condurrà al commit che ha causato problemi.

Un valore di ritorno negativo abbandona il comando bisect. Ma potete fare molto di più: la pagina di help spiega come visualizzare le bisezioni, esaminare o rivedere il log di bisect, e eliminare noti cambiamenti innocui per accelerare la ricerca.

Chi è che ha sbagliato? A differenza di molti altri sistemi di controllo di versione, questa operazione è eseguita off-line, leggendo solo da disco locale. Creare un clone, una branch e fare un merge sono delle operazioni impossibili senza una connessione di rete. La stessa cosa vale per operazioni di base come ispezionare la storia, o fare il commit di un cambiamento.

In alcuni sistemi, è necessaria una connessione di rete anche solo per vedere le proprie modifiche o per aprire un file con diritto di modifica. Quando gli utenti devono eseguire comandi lenti, la produttività viene compromessa per via delle continue interruzioni del flusso di lavoro. Ho sperimentato questi fenomeni personalmente.

Git è stato il primo sistema di controllo di versione che ho utilizzato. Mi sono velocemente abituato al suo uso, dando per scontate molte funzionalità. Assumevo semplicemente che altri sistemi fossero simili: scegliere un sistema di controllo di versione non mi sembrava diverso da scegliere un editor di testo o un navigatore web.

Sono rimasto molto sorpreso quando più tardi sono obbligato ad utilizzare un sistema centralizzato. Una connessione internet instabile ha poca importanza con Git, ma rende lo sviluppo quasi impossibile quando il sistema esige che sia tanto affidabile quanto il disco locale. Quando dovevo eseguire un comando lento, le interruzioni influivano molto negativamente sulla mia concentrazione. Che cos'è Git Per capire cosa sia GitHub e come funzioni, sarà necessario capire innanzitutto cos'è Git, cuore pulsante della piattaforma web.

Venne creato da Torvalds e dai suoi collaboratori nel corso dello sviluppo del kernel Linux: nel caso in cui qualche aggiornamento non avesse dato gli effetti sperati, si poteva sempre tornare indietro e recuperare la versione funzionante senza troppi problemi.

In GitHub questi concetti e queste pratiche sono state portate all'estremo, applicandole su un campione molto più ampio e in ambiti più disparati. Grazie a Git, gli utenti della piattaforma social creata da Tom Preston-Werner, Chris Wanstrath e PJ Hyett potranno lavorare contemporaneamente sulla medesima versione dello stesso progetto senza timore di apportare modifiche sostanziali.

Le parole più usate in GitHub Arrivato alla soglia dei cinque anni di vita, GitHub è diventato un immenso mare magnum con oltre 10 milioni di progetti. I comandi più utilizzati in GitHub Ci sonoalcuni comandi indispensabili per poter sfruttare a pieno le capacità e le funzionalità della piattaforma.

Le Actions di GitHub Per facilitare la vita ai propri utenti e agli sviluppatori in genere, GitHub ha recentemente rilasciato una nuova funzionalità che dovrebbe consentire di automatizzare alcune delle operazioni che vengono compiute con maggior frequenza sulla piattaforma. Chiamate Actions Azioni, in italiano , sono state definite da alcuni analisti di settore come una sorta di If This Than That della programmazione.

Ma, esattamente, cosa sono le Actions di GitHub? Qualche esempio? Con le azioni Github si potrà impostare un allarme automatico ogni qualvolta un utente dovesse rilasciare un commento all'interno della nostra repository di codice. Oppure è possibile automatizzare la "costruzione" di software e il loro rilascio pubblico ogni volta che viene aggiunto un nuovo pacchetto al repository. In questo modo non ci si dovrà preoccupare di comporre i vari "pezzettini" de puzzle alla fine dello sviluppo, ma saranno le stesse azioni della piattaforma a occuparsene in maniera automatica.

Non si tratta di un'azione particolarmente complessa: come in ogni altro social network si dovrà inserire il proprio nome utente, i propri dati e scegliere una password. Poco più complesso, invece, il settaggio del software Git.

Dopo aver scaricato l' ultima versione per il proprio sistema operativo — disponibile per Windows, OS X e Linux — ci sarà da impostare nome utente e indirizzo di posta elettronica. La scelta del nome utente non richiede particolari accorgimenti. Potrà essere il nome reale, un nickname o qualsiasi altra cosa: Git non farà caso alla scelta e servirà solo per l'attribuzione dei "meriti" dei vari progetti pubblicati sulla piattaforma online.


Ultimi articoli