Feildingarchive

Feildingarchive

Carico e scarico cortile condominiale


Consentito e utilizzo indebito del cortile condominiale, alla stregua di eseguire operazioni di carico e di scarico di merci, senza spiegare le. Mi sto per trasferire e vorrei sapere se posso utilizzare il cortile condominiale per caricare/scaricare l'auto. Il cortile è di accesso ai box dei quali. feildingarchive.org › ❶ Parti Comuni. Il viale condominiale può essere utilizzato da ciascuno dei condòmini dei condòmini ovvero dai loro conduttori per il carico e scarico di merce. Quando è legittima la sosta prolungata dell'autocarro in cortile comune?

Nome: carico e scarico cortile condominiale
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza: Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 24.56 Megabytes

Cortile di un edificio in condominio È usuale che gli edifici in condominio dispongano di un cortile. Di chi è la proprietà di questo spazio? Che cos'è il cortile? Qual è la sua destinazione d'uso? Si tratta delle domande più comuni che si pongono all'attenzione degli addetti ai lavori e dei condomini quando si parla del cortile.

Riguardo al primo quesito va detto che il cortile, ai sensi dell'art. In sostanza il cortile è di proprietà di tutti i partecipanti al condominio o di quelli eventualmente individuati dal regolamento o dagli atti d'acquisto.

Il ricorso per Cassazione basato sulla denuncia di violazione e falsa applicazione degli articoli 1102, 1120 e 1139 del Codice civile è stato ritenuto ammissibile, fondato e quindi accolto. Ovviamente, devono essere rispettati i limiti legali, in applicazione del principio secondo il quale ciascun comproprietario ha diritto di trarre dal bene comune un'utilità maggiore e più intensa di quella tratta eventualmente in concreto dagli altri comproprietari, purché non ne venga alterata la destinazione o compromesso il diritto al pari uso.

Il Collegio richiama una recente decisione della stessa Corte per confermare che invece, lo sfruttamento esclusivo del bene da parte del singolo condomino, tale da impedire la simultanea fruizione degli altri e non è riconducibile alla facoltà di ciascun condomino di trarre dal bene comune la più intensa utilizzazione, ma ne integra un uso illegittimo in quanto il principio di solidarietà cui devono essere informati i rapporti condominiali richiede un costante equilibrio tra le esigenze e gli interessi di tutti i partecipanti alla comunione Cass.

II, sentenza 24-06-2008, n.

Se dunque un simile uso della cosa comune è stato ipotizzato dalla Corte d'appello a favore dei condomini, che potrebbero accedere all'androne condominiale non solo a piedi ma anche con autoveicoli per effettuare operazioni di carico e di scarico, non si vede perché l'uso analogo da parte dei ricorrenti sarebbe lesivo del pari uso della cosa comune e riconducibile alla nozione di innovazione vietata.

Fai la tua domanda all'esperto: esperto. Il nostro piccolo condominio di sei condomini, gestito tutto in autonomia, ha un piccolo viale in cui è possibile entrare con l'auto senza parcheggiarla in modo permanente perché non ci sarebbe abbastanza spazio per tutti.

Io utilizzo il viale entrando con la mia auto solo per soste brevi, almeno per scarico e carico merce o per far salire i miei bambini o anziani dato che è impossibile trovare un parcheggio sotto casa. Un condomino al piano terra si lamenta e non vuole che si entri con l'auto perché viene "disturbato".

Vorrei chiedere se questo comportamento è lecito. Da una vecchia delibera prima ancora di essere proprietario di casa , era scritto che nel viale non si poteva parcheggiare in modo permanente perché non ci sarebbe spazio a sufficienza ma che era possibile per carico e scarico merci.


Ultimi articoli